Home » Curiosità » GenovaBene intervista Circle Garage

GenovaBene intervista Circle Garage

GenovaBene.it intervista Astrid Jacobsen per Circle Garage

Come nasce Circle Garage?

Circle Garage nasce nel 2012 come ditta individuale, dopo il dottorato all’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia, NdR) di Marco Gaudina, CEO e fondatore. Nel Maggio 2013 altri soci si aggiungono e Circle Garage diventa una società, una “start-up innovativa s.r.l.”.

Di cosa si occupa Circle Garage?

Cerchiamo di semplificare la relazione tra persone e tecnologia per migliorare la loro vita digitale trasformando l’interazione con il mondo che ci circonda in qualcosa di naturale. Specificamente, Circle Garage nasce per portare Hiris, il nostro computer indossabile, sul mercato.

Parlaci del logo

Il logo rispecchia la personalità della nostra azienda e del team: risolvere un problema analizzandolo da ogni punto di vista, a 360° (la freccia circolare bianca); la figura rossa, ricorda la saracinesca di un garage, proprio per sottolineare l’aspetto pratico del nostro lavoro, avendo le competenze per lavorare sia in applicazioni hardware sia software. A livello emotivo il garage ci riconrda anche il primo “ufficio” da cui Marco ha iniziato questa avventura, ovvero il magazzino dei suoi genitori, situato a Sturla.

Quali sono i vostri obiettivi, a cui ambite o che avete raggiunto?

Abbiamo vinto molti premi e ricevuto molte riconoscenze, come ad esempio, l’anno scorso a Torino il primo premio allo SmartHome Hackathon, e, quest’anno abbiamo partecipato e parteciperemo a molti eventi, in modo da raggiungere il maggior numero di persone. Abbiamo anche raggiunto il nostro obiettivo su Indigogo (sito di crowdfunding, raccolta di fondi, NdR) per il finanziamento del progetto “Hiris”.

Noi vorremmo aprire la mente alle persone, per questo, a volte, sotto la nostra sede di Piazza Colombo, chiediamo alle persone di salire, per far vedere loro cosa c’è dietro, vogliamo creare un solido rapporto di fiducia tra il pubblico e il teamo di CG; organizziamo anche molti eventi informali, per far sapere di cosa ci occupiamo e rimanere in contatto reale con la nostra community virtuale, che spesso ci invia proposte e commenti sui nostri progetti. Pensiamo che i feedback che riceviamo siano importanti per non perdere il contatto con le reali esigenze delle persone e, ovviamente, speriamo di passare da Genova a una realtà sempre più larga.

Avete progetti oltre Hiris?

Le idee sono tante e sicuramente ci piacerebbe perseguirle tutte assieme. Ciò purtroppo non è (ancora) possibile date le dimensioni della nostra realtà e le risorse a disposizione. Siamo pur sempre una start-up… =) Questo è il motivo per il quale abbiamo deciso di concentrare tutte le nostre forze su un solo progetto e ci ha convinti lo scorso gennaio a lanciare la campagna di Indiegogo per la realizzazione di Hiris.

Parliamo di HIRIS: cosa è e cosa non è?

Hiris è un computer indossabile modulare, un dispositivo indossabile che analizza parametri biometrici, controlla altre tecnologie ed è un perfetto assistente nel quotidiano.

Hiris è l’unico dispositivo che offre le funzionalità di un fitness band, di uno smartwatch e di un sistema per il motion capture in un unico dispositivo, dando la libertà all’utente di scegliere la funzionalità che più si addice a cosa vuol fare in quel momento: registrare la propria attività sportiva, monitorare il proprio battito cardiaco, misurarsi la febbre, controllare il riscladamento di cassa in remoto, analizzare il moviemento della propria tavola da snowboard.
L’obbietivo è proprio quello di rendere più naturale l’interazione fra l’utente, le sue attività e la tecnologia che lo circonda. In questo si spiega la versatilità di Hiris che è il primo device che supporta in maniera nativa 3D gesture (funzionalità per dare dei comandi attraverso i gesti delle mani, NdA) e Air-Touch: un’innovativa interfaccia touch-less per poterlo usare anche con i guanti o con le mani sporche o bagnate.
Hiris viene ricaricato con un cavo universale micro-USB o attraverso al sua base di ricarca wireless. Impermeabile perchè possa essere utilizzato anche nelle condizioni più estreme, come un coltellino svizzero, Hiris è in grado di racchiudere più funzionalità in un unico oggetto.
Hiris non è un braccialetto ma un’unità esagonale a sottolineare la sua modularità, e per questo vi fornirò sei key features:

 

  1. Batteria durevole: fino a 4 giorni (utilizzo standard)
  2. Lo si può indossare o montare (con specifici accessori, NdA) ovunque, su ogni oggetto o parte del corpo per analizzarne il movimento.
  3. Hiris parla con il nostro corpo con sensori che analizzano il movimento, monitorano battito cardiaco e temperatura restituendo preziose informazioni sulla nostra salute a schermo
  4. Più Hiris possono essere collegati, per creare un rete di unità in grado di catturare più dati e analizzare movimenti specifici (max 12 Hiris, NdA)
  5. Porta laterale per l’espansione con altri componenti aggiuntivi: GPS, schede audio…
  6. 100% made in Italy

Avete previsioni per l’uscita sul mercato?

Sì, ma non abbiamo ancora fissato una data ufficiale. In primis, verrano effettuate le consegne per chi ha supportato Hiris durante la campagna di crowdfounding. Senza di loro non saremmo mai arrivati dove siamo oggi. Nei prossimi mesi daremo la possibilità di pre-ordinare il proprio Hiris sul nostro sito (gethiris.com).

Perchè Hiris è speciale?

Semplicemente perchè Hiris è chi lo indossa: domani potresti incontrare diverse persone che lo utilizzano ognuno per fare qualcosa di diverso; chi per andare in palestra, chi per creare applicazioni nell’Internet delle Cose, chi per la propria terapia riabilitativa, chi per leggere le notifiche dallo smartphone, chi per mixare musica, chi per giocare, … potrei continuare ma tutto questo per sottolineare come, copn Hiris, la creatività sta nella mani di chi lo utilizza non di chi lo ha inventato. Per noi, Hiris è speciale perchè Circle Garage lo ha creato da zero: non abbiamo un budget per il marketing, a Genova ci conoscono per il passaparola!

Avete lanciato anche un hashtag…

Si, #1000waystousehiris, il nostro pubblico potrà inventarsi vari modi originali per usare Hiris, e, attualmente, stiamo registrando una notevole partecipazione… Inoltre abbiamo trasformato il nostro blog in un vlog (video blog, NdR), anche questa iniziativa è piaciuta molto!

Però è difficile stare al passo con tutto…

Molto. A volte siamo talmente stressati da dover mollare tutto e farci una sana partita al calcio balilla; siamo un team formato da persone molto diverse, abbiamo competenze diverse, ma stando qui abbiamo imparato a fare (e stare) assieme. La passione, il sacrificio e il credere in quello che si sta facendo sono cose fondamentali. Fino ad oggi queste non sono mai mancate, per questo siamo convinti non solo di raggiungere sempre più obbiettivi ma di porcene sempre di nuovi dalle più alte aspettative. Fino ad oggi queste non sono mai mancate, per questo siamo convinti non solo di raggiungere sempre più obbiettivi ma di porcene sempre di nuovi. Grazie per questa intervista!

Visita i siti web CircleGarage.com e GetHiris.com!

Controllare anche

vegetti

Vegetti webserie: finale di stagione e video 360°

Per gli autori della webserie Vegetti, la seconda stagione non poteva avere solo un finale. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.